Posts Tagged ‘imperatore’

Capitolo10: 003

Il ragazzo osservo perplesso il proprio imperatore. Ignorava perché fosse stato scelto proprio lui per compiere quel lavoro, ma lo riteneva un onore. In quella giornata, socialmente impegnativa per i membri più importanti dell’impero, era stato incaricato da fare da porta bandiera, impugnando la lancia di frassino e metallo cui erano appesi le armerie dell’imperatore.

Quello che rendeva perplesso il giovane erano state le scelte dell’imperatore. L’obbligo fattogli di indossare l’armatura, quasi stesse andando in guerra, mentre sia il suo signore sia il suo seguito erano loro stessi pesantemente armati. Era quasi sicuro di avere scorto una cotta di maglia sotto ai vestiti dello scriba Keronte, cosa che gli sembrava ancora più fuori luogo, soprattutto se si considerava che con loro c’erano solo due soldati, se si escludevano i cugini dell’imperatore ed il generale Verin.

Capiva che erano a caccia, ma allora perché nessuno di loro cercava una preda? Perché non avevano portato i cani e soprattutto gli archi? Non avevano giavellotti, ma armi da scontro. Avevano attraversato la pianura in poche ore, mantenendo un ritmo non indifferente, quasi stessero andando ad un appuntamento più che a caccia. Eppure, in diverse occasione aveva scorto un cervo che gli precedeva, dirigendosi nella loro stessa direzione nella propria fuga.

Keronte accanto a lui, sempre preso dalle sue pergamene stava leggendo quasi freneticamente un testo, laddove ogni passo della cavalcatura rischiava di fargli perdere il filo dello scritto. “Ho verificato in ogni mio documento, ma proprio le tribù più vicine dovrebbero essere a Xetan o a Timusos.” Proferì infine l’uomo cogliendo di sorpresa il giovane scudiero, sottraendolo ai suoi pensieri.

“Allora perché stanno venendo a portare scompiglio fino a qui?” chiese di rimando il vocione di Verin. Alto quasi due metri per oltre cento chili di muscoli temprati da un numero di battaglie cui nessun altro generale era sopravvissuto, senza ritirarsi alle retrovie. Sprizzava rabbia nelle proprie parole, ma confermarono al ragazzo che di fatti non stavano andando a caccia, o per lo meno non della solita selvaggina, non di quella che avrebbero riportato a casa gli altri nobili.

“Le mie pergamene mi dicono molte cose, ma ciò che in esse non è scritto, non me lo possono dire!” replico lo scriba, sconsolato, lanciando un occhiata a Ragan. L’imperatore si era fidato ciecamente delle parole dello scriba quando questo gli aveva parlato dei quattro araldi di MadreLuna, basandosi sull’abilità di Keronte di valutare e conoscere le persone dopo un solo incontro.

“Niente c’impedisce di catturarne uno per cercare delle risposte…” commento allegramente Ervin Courag, prima di cercare l’occhio buono del gemello, che confermo con un simile sorriso sulle labbra. “…ehi, ragazzo! Non fare quella faccia!” commento all’indirizzo del portabandiera.

Anche il generale si volto ad osservarlo. “Ma qualcuno si è degnato di spiegargli a cosa stiamo andando incontro?” chiese imbronciato, notando lo sguardo sperduto del fanciullo. Gli altri presenti si guardarono perplessi, con espressioni che dicevano a tutti ‘ma non toccava a te?’. Verin scosse la barba dal taglio leonino. “Non stiamo andando a caccia ragazzo! Stiamo andando ad un imboscata, un imboscata di cui dovremo essere noi le vittime!”

“Però, saremo noi a fargliele vedere!” dichiaro Sargin Courag, posandogli una mano sulla spalla. “Potrai dire che nella tua prima battaglia hai protetto le spalle all’imperatore. Non male come carriera.” Aggiunse il guercio, come se si parlasse di una festa.

“Sempre che sopravviviamo…” furono le parole un po’ tetre di Ragan. Aveva fatto al sua scelta e non lo rimpiangeva, aveva ordinato alla sua guardia personale di suddividersi tra i vari nobili in modo da offrire loro protezione. Era stato lui stesso ad informargli di quale sarebbe stato il loro dovere, di qual era il pericolo che si correva. Qualcuno aveva protestato perché egli stesso si sarebbe trovato quasi privo di protezione in uno scontro dove sarebbero stati in chiaro svantaggio numerico. Ragan non aveva voluto sentire discussione. Non erano solo presenti i nobili, ma anche le loro famiglie, pure non avendo incontrato Elisabeth, aveva sentito da Keronte la richiesta della ragazza, che egli stesso approvava completamente.

L’imperatore lancio uno sguardo verso i soli due soldati che si era portato dietro. Entrambi erano cavalieri viverna, tra i migliori soldati di tutto l’impero, uomini capaci di combattere sia con le armi, sia con la magia. Uomini che in quel momento erano privati del loro alleato migliore, la loro cavalcatura. *Anch’io vorrei che Saratin fosse qui…* penso tra se l’uomo, reprimendo un sorriso all’immagine della viverna femmina che gli era stata affidata sottoforma d’uovo quand’aveva ancora solo dodici anni.

“Non mi piace sentire parlare in questi toni cugino!” dichiaro Ervin, impuntandosi sul proprio animale, uno stallone dal manto grigio.

“è vero che non bisogna sottovalutare un nemico…” prosegui Sargin all’indirizzo del portabandiera. “…ma sempre e comunque, pensare che si riuscirà ad uscirne vivi se ci si impegna!” dichiaro con tono da professore.

“Poi, si ottengono delle ottime storie da raccontare alle pulzelle!” aggiunse Ervin.

“Tu non racconti nemmeno gli eventi alle ragazze! Te le inventi!” controbatté il gemello, punzecchiando il fratello. “E sì che né hai pure bisogno, considerando quanto successo hai con le ragazze.”

Ragan non presto particolare attenzione al battibecco che segui tra i gemelli. Non provava desiderio dell’ebbrezza dello scontro. Combatteva per necessità e cercava di farlo bene solo per riportare i suoi alla vittoria e la propria vita a casa. Non ché avesse qualcosa di particolare, una moglie o dei figli da qui tornare, nonostante i suoi quasi trentasei anni, cosa che faceva dannare molti consiglieri del palazzo, secondo cui il trono necessitava di un legittimo erede.

“Sei preoccupato mio signore?” chiese Verin accostando il proprio cavallo a quello dell’imperatore. Lo conosceva sin dalla nascita. Era stato generale già sotto al regno del padre di Ragan. Era stato lui stesso a dargli i fondamenta di scherma e di lotta a corpo a corpo, l’aveva visto da bambino diventare ragazzo e poi uomo.

“Oggi morirà della gente, la mia gente, perché il mio impero è sotto attacco da un nemico di cui ignoriamo le ragioni, un nemico che ci sta attaccando direttamente in casa. Ritengo di avere delle buone ragioni per preoccuparmi…” commento l’uomo, portando per un attimo la mano all’elsa della spada, quasi a volere rassicurare se stesso della sua presenza al proprio fianco.

“I gemelli hanno detto qualcosa di giusto, una volta tanto, potremo catturare qualcuno dei nostri aggressori, sempre che questa storia sia vera.” Il generale era stato l’unico a sollevare alcune perplessità in merito alla fondatezza della minaccia, prima di piegarsi agli ordini. Per lui, anche coloro che sarebbero stati mandati a proteggere l’imperatore avrebbero potuto essere gli stessi assassini che dovevano uccidere il suo signore. Qualcuno diceva che pensava sempre per il peggio, ma lui si sarebbe solo definito come prudente. Preferiva ricevere piacevoli sorprese che delusioni. “Sempre che sopravviviamo…” aggiunse, un attimo dopo, ad anticipare il suo signore.

“Stiamo arrivando!” commento Keronte interrompendo ogni velleità di discussione tra i presenti, mentre i cavalli iniziavano ad affrontare il fianco di una collinetta in cima alla quale tre castani dalle verdi fronde vivevano pacifici.

Annunci